Superbonus 110%: il 47% dei costi rientra allo Stato in nuove tasse, Iva e contributi

Il superbonus 110%, accusato di essere causa delle frodi fiscali e un costo insostenibile per lo Stato, si rivela uno strumento sostenibile e di profitto per lo Stato.


L'Ance conferma la sostenibilità economica del Superbonus110%, il quale crea un ritorno economico in termini di tasse, IVA e contributi.


Le micro frodi fiscali del Superbonus 110%

I dati pubblicati dal Fisco stesso hanno certificato che l'impatto del superbonus 110% sul totale delle frodi fiscali è stato pari al 3%, meno dell'1% degli interventi realizzati.



Lo studio dell'ANCE sul Superbonus 110%:

Quanto costa davvero allo Stato?

Il costo sostenuto dallo Stato per questa misura fiscale viene analizzato e pubblicato dall'Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE) riporta il titolo "Superbonus 110%: Quanto costa davvero allo Stato?".


"lo studio arriva a determinare, in modo del tutto prudenziale, le maggiori entrate nel bilancio dello Stato che derivano dai redditi pagati agli operai di quei cantieri, dai prodotti utilizzati, dalle parcelle dei professionisti e dai redditi degli imprenditori".

Il lavoro presentato mostra esclusivamente le conseguenze immediate di un cantiere Ecobonus 110, rivela il minimo per comprendere la forza degli investimenti nella riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare italiano.


L'impatto economico del Superbonus 110%

Partendo dall'analisi delle singole componenti…


Materiali:

  • Stipendi

  • Costi produzione-materie

  • Investimenti

  • Utile

  • Utile netto

  • Consumi

  • INPS (18% su stipendi)

  • INAIL (2% su stipendi)

  • Ires

  • Irap

  • Irpef lavoratori

  • IVA su consumi

Manodopera

  • Cassa Edile

  • Reddito netto lavoratori

  • Consumi

  • Investimenti/Risparmi

  • INPS (18%)

  • INAIL (6%)

  • Irpef

  • IVA su consumi

Per ciascuna componente è stata calcolata la quota di lavoro retribuito e di beni acquistati, e i risultati sono stati parametrati ai lavori già inseriti nella piattaforma Enea e a quelli che si stimano per gli anni 2022-2025.

Il risultato di questo modello empirico di calcolo arriva a dimostrare che il costo effettivo a carico del bilancio dello Stato è pari al 53% e che Il 47% dei crediti fiscali rientra all’erario come nuove tasse, IVA e contributi vari.


ANCE e Superbonus 110%: i costi nel dettaglio e la tabella riassuntiva

Situazione a fine giugno 2022:

  • 35,2 miliardi di euro di lavori avviati;

  • 38,7 miliardi di euro di detrazioni previste a fine lavori;

  • 18,2 miliardi di euro rientreranno direttamente nelle casse dello Stato.

Per ogni miliardo di euro speso dallo Stato:

  • 470 milioni di euro corrispondono a maggiori entrate;

  • 530 milioni di euro sarebbe il costo effettivo dello Stato.


Il costo di un intervento con Superbonus 110% è coperto per metà dalle entrate generate dal cantiere, sommando l’indotto, il saldo risulta essere nettamente positivo.


Costi sostenuti dallo Stato per il Superbonus 110% (ANCE)

  • Importo totale dei lavori previsti (Giugno 2022): 35,2 mld €

  • Importo totale detrazioni 110% per questi lavori: 38,7 mld €

  • Ritorno (prudenziale) nelle casse dello stato: 18,2 mld €

  • Finanziamenti PNRR dall'UE: 13,9 mld €

  • Costo sostenuto dallo Stato: 6,6 mld €

*Elaborazione Ance su dati pubblici